Utilizzo dell'ozono nelle pulizie - Clean Channel - informazioni e notizie da impresa Pulizie Mestre - Impresa pulizie Mestre | Ditta pulizie Mestre

Vai ai contenuti

Menu principale:

Utilizzo dell'ozono nelle pulizie

Impresa pulizie Mestre | Ditta pulizie Mestre
Pubblicato da in Pulizia ·
Tags: ozono
L'ozono può essere utilizzato con successo per l'igienizzazione e la sanificazione di ambienti particolarmente delicati.
Si tratta di un gas naturale altamente instabile, noto soprattutto perchè svolge la funzione di proteggere il pianeta Terra dai raggi solari nocivi.
Ma ha anche una notevole funzione ossidante e disinfettante. Si forma in natura per l'azione delle scariche elettriche dei fulmini o grazie ai raggi solari ultravioletti, ma può essere prodotto anche con appositi macchinari.
Il forte potere ossidante dell'ozono consente di sanificare gli ambienti in quanto riesce a degradare e distruggere tutti gli elementi di natura organica quali virus, acari, batteri, muffe, spore, insetti.
Ha inoltre una funzione deodorante poichè distrugge in maniera naturale fumo e odori, quali odori di animali
La sua funzione è totalmente naturale, infatti in pochi minuti si trasforma in ossigeno, senza lasciare alcun residuo chimico dopo l'impiego.
Poichè è più pesante dell'aria, penetra a fondo nelle fessure e nei tessuti, riuscendo nell'azione igienizzante dove molti detergenti chimici non arrivano.
Viene utilizzato spesso nella pulizia e sanificazione degli interni delle auto e degli impianti di condizionamento.
L'utilizzo dell'ozono e migliaia di volte più efficace nella sanificazione rispetto ai metodi tradizionali.

Aggiungendo ozono all'acqua si ottiene un valido disinfettante per la pulizia di ambienti in cui è preferibile non utilizzare reagenti chimici, quali i luogli di conservazione degli alimenti.



PULIZIE MESTRE Impresa di pulizie Mestre Via Biella 4 Venezia Tel. 3408750437 info@puliziemestre.it Ottimo servizio di pulizia professionale dedicato al tuo condominio o al tuo ufficio. 4.5 stelle, basato su 12 revisioni
Torna ai contenuti | Torna al menu